Portale Trasparenza Città di Imperia - ACCONCIATORE

Il portale della Trasparenza conforme al D.Lgs. 33/2013 - "Amministrazione Trasparente"

Tipologie di procedimento

ACCONCIATORE
Responsabile di procedimento: Panizza Vittorio
Responsabile di provvedimento: Panizza Vittorio
Responsabile sostitutivo: Puglia Rosa
Uffici responsabili
SUAP
Descrizione

La Legge 17/08/2005 n. 174 disciplina l'esercizio dell'attività di Acconciatore mentre la L.R. 5/06/2009 n. 23 di attuazione della normativa statale oltre a regolamentare la medesima figura professionale, formula i criteri generali per iniziative di formazione professionale e detta disposizioni per l'esercizio delle funzioni amministrative dei Comuni. Tale Legge è applicata a tutte le imprese che svolgono tale attività, ovunque la stessa sia esercitata, in luogo pubblico o privato.

L'esercizio dell'attività è subordinato al possesso dell'abilitazione professionale ed è soggetto alla SCIA da presentarsi al SUAP del Comune competente per territorio.

Per ogni sede dove viene esercitata l'attività deve essere designato, nella persona del titolare, di un socio partecipante al lavoro, di un familiare coadiuvante o di un dipendente dell'impresa, almeno un responsabile tecnico in possesso dell'abilitazione professionale.

Non è ammesso lo svolgimento dell'attività di acconciatore in forma ambulante o di posteggio.

L'abilitazione professionale di acconciatore si consegue tramite il superamento di un apposito esame tecnico-pratico preceduto, in alternativa tra loro:

a) dallo svolgimento di un corso di qualificazione della durata di due anni, seguito da un corso di specializzazione di contenuto prevalentemente pratico, ovvero, da un periodo di inserimento della durata di un anno presso un'impresa di acconciatura, da effettuarsi nell'arco di due anni;

b) da un periodo di inserimento della durata di tre anni presso un'impresa di acconciatura, da effettuare nell'arco di cinque anni, e dallo svolgimento di un apposito corso di formazione teorica; il periodo di inserimento è ridotto ad un anno, da effettuare nell'arco di due anni, qualora sia receduto da un rapporto di apprendistato.

Tale abilitazione è rilasciata dalla Regione che può avvalersi di enti e organismi per l'organizzazione e la gestione dei corsi e degli esami.

Qualora per ragioni diverse, il soggetto in possesso dei requisiti professionali dovesse essere sostituito oppure si ritenesse di aggiungere un nuovo sogetto è necessario presentare una SCIA di variazioni; tale segnalazione certificata dovrà essere presentata anche ogni volta si verifichi una variazione dell'ambito della società sia essa riferita alla denominazione sociale, all'assetto societario o alla trasformazione della natura giuridica.

Secondo quanto disposto dall'art. 7 della L.R. Liguria n. 23/2009 l'attività di acconciatore può essere sospesa per un periodo non superiore a sei mesi, previa comunicazione al Comune, eventuali proroghe possono essere richieste al Dirigente del competente Settore solo per gravi motivi.

La cessazione dell'attività è soggetta a comunicazione al Comune da effettuarsi entro sessanta giorni dalla cessazione stessa.

ORARIO D'ESERCIZIO: L'Ordinanza Sindacale n. 590 del 17/12/2009 dispone la sospensione facoltativa all'obbligo della chiusura domenicale e festiva concedendo, nel periodo intercorrente tra l'ultima domenica di novembre e sino al 6 gennaio, la deroga facoltativa, domenicale e festiva, alla chiusura obbligatoria.

Tale deroga è, altresì, applicabile alla domenica antecedente la Pasqua (domenica delle Palme) e al periodo estivo intercorrente dalla prima domenica del mese di giugno sino all'ultima domenica di agosto. Al di fuori di tali periodi gli esercizi dovranno osservare la chiusura completa nei giorni domenicali e festivi, salvo apposita deraoga del Sindaco.

L'Ordinanza ribadisce il rispetto dell'orario massimo settimanale di esercizio pari a ore 48. Il titolare dell'attività, nell'ambito della fascia oraria giornaliera di apertura ricompresa fra le ore 8 e le ore 20, può scegliere liberamente l'orario di apertura e chiusura non superando le 12 ore giornaliere e rispettando il limite massimo di 48 ore settimali di apertura. Gli esercenti hanno facoltà di effettuare la chiusura infrasettimanale.

L'esercente è tenuto a rendere noto al pubblico l'orario di effettiva apertura e chiusura del proprio esercizio mediante apposito cartello. esposto in modo ben visibile e leggibile dall'esterno, senza dover inviare alcuna comunicazione al Comune.

L'orario deve avere carattere settimanale ovvero non può essere sostituito durante la settimana, per cui, per modificarlo, è necessario attendere la domenica. Deve riguardare tutti i giorni della settimana evidenziando le eventuali differenziazioni e la chiusura infrasettimanale se prescelta.

Chi contattare
Personale da contattare: Siccardi Marina
Termine di conclusione
Conclusione tramite silenzio assenso: si
Conclusione tramite dichiarazione dell'interessato: no
60 giorni
Costi per l'utenza

Alla SCIA di apertura o variazione di attività va allegato un versamento di € 50,00 da effettuarsi con le seguenti modalità:

mediante ccp n. 11241189 intestato al Comune di Imperia con l'indicazione, nella causale "SCIA Nuova Attività di Acconciatore" o "SCIA Variazioni Attività di Acconciatore";

mediante c/c bancario BANCA CARIGE filiale di Oneglia, via G. Berio, 2 IBAN IT 41 F 06175 10500 00000 1403790 con l'indicazione "SCIA Nuova Attività di Acconciatore" o "SCIA Variazioni Attività di Acconciatore".

Modulistica per il procedimento
Servizio online
Contenuto inserito il 04-02-2015 aggiornato al 28-08-2015

Ricerca procedimenti

Facebook Twitter Google Plus Linkedin
- Inizio della pagina -
Recapiti e contatti
Viale Matteotti, 157 - 18100 Imperia (IM)
PEC protocollo@pec.comune.imperia.it
Centralino 0183 7011
P. IVA 00089700082
Linee guida di design per i servizi web della PA
Seguici su:
Il progetto Portale della trasparenza è sviluppato con ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it